Dal garage di un’abitazione a realtà industriale di riferimento nella produzione di utensili: è questa la storia di Wirutex che nel 2020 celebra quarant’anni di attività

Un percorso che inizia nel 1980: Wirutex nasce a Pesaro, allora centro del distretto del mobile italiano. E’ una piccola azienda formata da due soci e specializzata nell’affilatura, manutenzione e rivendita di utensili per macchine che lavorano il legno. Si parte dal niente, come spesso accade, ma idee e capacità non mancano così l’azienda inizia a crescere.

A fine anni Ottanta la svolta più significativa:
Wirutex produce il suo primo prototipo di utensile in diamante policristallino

Un materiale inedito che offre una precisione e una resa superiori ma difficile da proporre ad un mercato che è abituato a soluzioni più economiche. Una scelta coraggiosa che il tempo ha saputo premiare.

Passione, tenacia, curiosità e un’innata predisposizione per lo sviluppo di nuove tecnologie contraddistinguono l’azienda sin dagli albori; valori rimasti inalterati nel tempo che la portano al raggiungimento di nuovi e importanti traguardi, come il brevetto di Eco-Tools (1997), il primo truciolatore per le linee di squadrabordatura a inserti intercambiabili in pcd.

Eco-Tools | foto dall’archivio Wirutex 1997

Un’idea che segna un nuovo balzo in avanti per Wirutex e le permette di diventare una realtà sempre più dedita alla produzione. E’ l’inizio di una nuova era incentrata sempre più sulla lavorazione degli utensili in diamante.